PSEUDOSTUDIO: Sfatti così

Milano, 2015, l’anno di Expo. Il pay off dell’esposizione universale milanese recita “Nutrire il Pianeta – Energia per la Vita”: gli argomenti di rilievo, si intuisce, sono quindi il problema del nutrimento dell’uomo e della Terra e i modelli di vita sostenibili. Quale occasione migliore per proporre un’esposizione originale ed irriverente nella Milano in vetrina universale?

Spazio36 continua la collaborazione con Pseudostudio e, questa volta, lo fa proponendo “Sfatti Così”, una mostra che coinvolge dodici artisti che operano in diversi settori delle arti visive attorno al tema che potremmo riassumere con lo slogan “Nutrire il Corpo Umano”.

Dopotutto il tema è molto simile a quello proposto da Expo 2015: da un lato il Pianeta, il cibo e la sostenibilità ambientale, dall’altro il Corpo Umano, il cibo e le sue “intolleranze” alimentari e non solo. Due pianeti apparentemente diversi la Terra e il Corpo Umano ma, in realtà, accomunati dal medesimo desiderio di ribellione.

“Sfatti Così” è un viaggio psichedelico all’interno del corpo dell’essere umano: un corpo composto di organi, tessuti e apparati che in un modo o nell’altro risultano essere più o meno danneggiati da fattori alimentari, ambientali, sociali ed economici. Un corpo che quasi non ne può più di vivere in un mondo, in un pianeta che non fa altro che produrre scorie e spazzatura. Un corpo che ha un unico e solo desiderio. Quello di abbandonare l’origine di tutti i suoi mali: il cervello che lo controlla.

microbo_animaz

In occasione della mostra è stato realizzato un catalogo in tiratura limitata di 50 copie, che comprende un’introduzione critica di Mauro Di Vito esperto in storia medievale e moderna. E’ possibile prenotare una copia prima dell’evento scrivendo a pseudostudio2013@gmail.com